WTI testa la fascia di prezzo Bidens per le ricariche SPR dopo l’ultimo anno di ieri

Il prezzo del greggio si aggira appena sopra il prezzo obiettivo dell’amministrazione Biden di $ 67 a $ 72 al barile. Questa cifra potrebbe mettere in discussione il piano dell’amministrazione di ricostituire la Riserva strategica di petrolio (SPR) a livelli storici.

Il presidente ha autorizzato il più grande rilascio di petrolio SPR all’inizio di quest’anno. Ciò ha contribuito a stabilizzare i mercati ea ridurre i prezzi alla pompa. Dimostra anche l’importanza della Strategic Petroleum Reserve nel fornire ai consumatori americani risorse energetiche affidabili. Inoltre, questo rilascio contribuirà a compensare gli effetti della guerra in Ucraina e di altre interruzioni nella fornitura di greggio.

Dopo la crisi ucraina, le tensioni geopolitiche sono aumentate. Tuttavia, l’SPR è ben posizionato per soddisfare le future esigenze di sicurezza energetica. Inoltre, il DOE ha sviluppato un nuovo metodo di riacquisto che protegge i contribuenti.

In un recente rapporto, l’Energy Information Agency (EIA) ha rivelato che le scorte petrolifere totali degli Stati Uniti sono in calo. L’agenzia ha riferito che le scorte globali di greggio sono in calo mentre la Russia aumenta la produzione. Di conseguenza, è probabile che il prezzo del greggio raggiunga un minimo nel breve termine. Ciò significa che i produttori dovranno acquistare greggio per sostituire le riserve SPR. Sebbene ciò possa essere di supporto al mercato, potrebbe non essere sufficiente per stimolare la produzione.

Tuttavia, l’approccio del DOE all’acquisto di greggio per rifornire la Strategic Petroleum Reserve offre ai produttori la possibilità di bloccare il costo di produzione fornendo al contempo la garanzia di un prezzo minimo stabile. Ciò può fornire una polizza assicurativa tanto necessaria per l’industria petrolifera e garantire stabilità a lungo termine.

Come parte della sua strategia di riacquisto, il DOE richiede offerte ai produttori per un massimo di tre milioni di barili di greggio. Secondo il Dipartimento dell’Energia, le offerte saranno consegnate nel febbraio 2023. Inoltre, questo acquisto iniziale dovrebbe mettere un prezzo minimo artificiale sul WTI. Con il potenziale per ulteriori riacquisti quando il prezzo scende, l’approccio è progettato per incoraggiare le aziende a investire nella produzione di greggio ed evitare picchi.

L’SPR è una componente chiave del programma di riserve petrolifere di emergenza dell’amministrazione Biden. Oltre a rilasciare petrolio per stabilizzare il mercato, l’amministrazione ha annunciato i suoi piani per riempire la riserva a prezzi compresi tra $ 67 e $ 72 al barile. A questi prezzi, si stima che l’SPR riduca i prezzi del gas di $ 0,40 al gallone.

L’SPR è una risorsa fondamentale per la sicurezza nazionale. Avere una fornitura stabile di petrolio greggio negli Stati Uniti è uno dei modi migliori per proteggere il popolo americano dalle interruzioni. Inoltre, ricostituire la riserva è un ottimo modo per aumentare la domanda globale di petrolio.

L’amministrazione Obama ha coordinato il rilascio di petrolio greggio con diversi partner e ha stimato che l’impatto ridurrà i prezzi del gas di 0,40 dollari al gallone. Per questo motivo, l’amministrazione sta esortando il DOE a prepararsi per ulteriori vendite su larga scala di SPR questo inverno.

Se l’amministrazione Biden riuscirà nel suo piano di riacquisto di petrolio dalla Strategic Petroleum Reserve, la mossa potrebbe essere un passo significativo per invertire il picco dei prezzi della benzina causato dall’attuale crisi ucraina. Ciononostante, la fascia del prezzo del petrolio probabilmente si romperà verso l’alto man mano che le forniture globali di greggio diventeranno più limitate nei prossimi anni.

Related Post

  • #